Categorie
Storia e Critica

I monelli dell’architettura italiana

La sensazione è in chiunque s’interessi seriamente di architettura.Sensazione – finalmente!- di libertà d’espressione, senza dovere necessariamente prestare il fianco agli attacchi sui “come” ed i “perché” della legittimità delle nuove poetiche architettoniche.Nuove poetiche che non sono nate dal nulla -da una ipotetica tabula rasa- ma sono figlie dirette della crisi della modernità, del suo…
(Continua)

Categorie
Storia e Critica

Il silenzio degli innocenti

Agrigento e i suoi Templi. Punto di vista dal mare verso la città: dove sono i templi? Il fondale della nuova Agrigento sovrasta il tempio di Giunone & C.Altra prospettiva, dalla nuova Agrigento verso il mare: assoluta bellezza dei templi che si stagliano sul costolone che prelude al mare.Quello da Agrigento verso il mare è…
(Continua)

Categorie
Controrivista

A ciascuno il suo

Tempo addietro, leggendo l’editoriale della rivista “Il Progetto” -n°2-, avevo sottolineato, a mia memoria, la frase “…L’informatica capovolge l’imperativo della conservazione, delle resistenze e dell’egoismo. Implica l’apertura, lo spendersi di strutture sensibili in grado di captare e trasmettere i messaggi dell’ambiente”.Arrivando alla conclusione della lettura ho voluto evidenziare, sempre a mia memoria, quello che può…
(Continua)

Categorie
Università

Gli ultrà di Zevi

Si sarà rivoltato nella tomba, inveendo contro i responsabili dello striscione, a lui inneggiante, esposto alla facoltà d’architettura del Politecnico di Milano. Bruno Zevi, ovunque sia, si è, sicuramente, indispettito.Non è così che ha vissuto la sua vita. Non è mai voluto essere elogiato, tantomeno idolatrato.Cari ragazzi, avete sbagliato a ricordarne la figura scrivendone il…
(Continua)

Categorie
Storia e Critica

Lo schiaffo morale del riscatto virtuale

Insolita pubblicazione quella del libro “Riscatto virtuale” * .Marco Galofaro affronta un tema su cui hanno pontificato molte personalità della cultura.Le lacrime versate- non solo metaforicamente- da alcune di esse non riuscirono a spegnere l’incendio che devastò La Fenice, già cinque anni addietro.Il testo di Garofalo è insolito non solo perché precede le pubblicazioni che…
(Continua)

Categorie
Controrivista

Il (non) mistero della pesantezza (…delle parole)

Ne siamo consapevoli: chi legge Antithesi potrebbe avere il sospetto che in noi vi sia particolare attenzione negativa in merito a quanto viene scritto su L’Arca. Non è così, perché non è il nostro obiettivo. Sta di fatto che, nell’ articolo “I martiri secondo Casati”, avevamo incitato l’Arch.Casati, quale direttore de L’Arca, a dare più…
(Continua)

Categorie
Università

Il Coraggio

<< La carriera universitaria impoverisce e logora gli architetti, quasi fosse inconciliabile con quello stato di libertà e sofferta solitudine che è condizione dell’essere creativo (…) In un universo congestionato, bacato, inquinato da professori universitari, isteriliti e sclerotizzati, solo pochi scampano al paternalismo e al sadismo accademico, e sono quelli che affrontano i problemi linguistici>>…
(Continua)

Categorie
Storia e Critica

Il Bel Paese a quel paese!

Bravo Gehry! Ha fatto bene a mandare il Bel Paese a quel paese.Certo, non tutti noi lo avremmo meritato, ma forse il Suo comportamento avrà un risvolto positivo per la nostra battaglia contro un conservatorismo nauseante che continua a pervadere la mentalità italiana.Il Suo gesto travalica il contenuto architettonico e si pone quale questione di…
(Continua)

Categorie
Storia e Critica

Magna Italia in Cina

Povero Augusto Cagnardi, costretto suo malgrado a dovere andare a costruire in Cina una città di sana pianta, nonostante la repellente situazione della privazione dei diritti umani, sino all’estremo della pena capitale.Cagnardi ci spiega che “oggi sul lavoro non posso fare come quando da giovane non andavo in Grecia perché c’erano i colonnelli”. Cagnardi però…
(Continua)

Categorie
Storia e Critica

Divorzio all’italiana

Gehry abbandona Modena. Tanti motivi, nessuno ben chiaro. Dal quotidiano La Stampa del 29.dicembre 2000 arriva la motivazione del divorzio: adulterio dell’Italia nei confronti della “tradizione”. Avvocati della parte lesa (“tradizione”) Gae Aulenti e Vittorio Gregotti.Adesso è tutto chiaro. Abbiamo capito i motivi che impediscono all’Italia di potersi inserire nel dibattito internazionale contemporaneo con architetture…
(Continua)